Verso il Fab Lab Fest: il 23 a Marsala l’evento dedicato all’innovazione e alla creatività

Verso il Fab Lab Fest: il 23 a Marsala l’evento dedicato all’innovazione e alla creatività

In programma il prossimo 23 agosto, il Fab Lab Fest si presenta come uno degli appuntamenti più interessanti dell’Estate marsalese. Rivolto principalmente ai giovani e alle imprese lilibetane, si tratta di un evento che costituisce un punto di svolta rispetto alle attività che il Fab Lab ha effettuato quest’anno in città, creando interesse intorno a un progetto che mira a creare una più matura cultura della tecnologia e dell’innovazione a Marsala, sulla scia di quanto realizzato in altre prestigiose realtà nazionali e internazionali. Tra i promotori dell’iniziativa, due brillanti giovani marsalesi, Martina Ferracane e Vincenzo Marino, già laureati in economia e ben inseriti in ambito accademico.

“Un anno fa abbiamo raggruppato alcuni ragazzi che avevano voglia di fare qualcosa per il territorio – spiega Marino -. La maggior parte di loro non vivono a Marsala, ma volevano utilizzare le esperienze maturate altrove per supportare la propria città d’origine”. Di mese in mese l’attenzione sul Fab Lab (il primo in provincia di Trapani) è cresciuta, così come la consapevolezza dell’identità di questo progetto, che ambisce a costituire un punto di riferimento per la crescita culturale della comunità e un polo di sviluppo e di incontro con le aziende. “Attraverso un abbassamento dei costi della fabbricazione digitale –aggiunge Martina Ferracane – si giunge alla democratizzazione dell’accesso a questo tipo di tecnologie. Inoltre si sovverte l’ordine tradizionale, portando i giovani ad insegnare le proprie competenze alle imprese”.

Con pochi soldi e tanta creatività, nei Fab Lab si è riusciti a realizzare sensori capaci di individuare la quantità di acqua che serve a un terreno, occhiali virtuali low cost, microscopi digitali fatti in casa. L’evento del 23 agosto, in programma a Villa Cavallotti, si aprirà alle 18.30 con una tavola rotonda (coordinata da Vincenzo Marino) in cui i rappresentanti delle imprese esporranno le proprie esigenze sul fronte dell’innovazione, ascoltando poi le risposte del Fab Lab. In serata è previsto un momento musicale e poi il lancio effettivo della campagna a sostegno del Fab Lab, con la partecipazione di Martina Ferracane, delle imprese, dei giovani e dei rappresentanti delle istituzioni. Superata la prima fase progettuale, il Fab Lab ha infatti adesso bisogno di mettere radici: serve una sede e un budget (almeno 20.000 €) che consenta l’acquisto dei macchinari, l’allestimento del locale e di pagare un tecnico che si occupi tutto l’anno del laboratorio. Proprio per questo, nel corso dell’evento del 23 agosto verrà lanciata anche una raccolta fondi.

“Noi abbiamo altri lavori, ci stiamo impegnando per questo progetto a titolo gratuito – concludono Marino e Ferracane -. Vediamo le potenzialità non sfruttate del territorio e cerchiamo di dare un contributo. Saranno poi i ragazzi che vivono qui gli interlocutori principali delle aziende che collaboreranno con il Fab Lab”.