Aria, acqua, terra e fuoco

In Apertura, Punto Itaca

I quattro elementi naturali sono i pilastri su cui dovremmo concentrare le nostre attenzioni. Spesso li trascuriamo e quando ce ne occupiamo non lo facciamo esattamente come dovremmo. In queste settimane estive che hanno preceduto lo spartiacque di Ferragosto abbiamo effettivamente dedicato molto spazio all’aria (non solo fritta), all’acqua, alla terra e al fuoco.

Le cronache ci hanno portato a scrivere di rifiuti, guasti idrici, siccità e incendi, portandoci a riflettere su quanto sia importante da un punto di vista politico come su quello dell’informazione, mettere assieme il micro e il macro, il racconto locale filtrato attraverso uno sguardo globale. Un recente studio americano dimostra come le ondate di caldo che si stanno registrando negli ultimi anni non sono dettate da pura casualità, ma risultano effetto diretto delle politiche dei vari Stati a proposito del riscaldamento globale. Se dunque il presidente americano Trump decide di tirarsi fuori dagli accordi sul clima, il problema non è solo dei suoi connazionali o di chi l’ha votato: è un problema planetario, con cui tutti noi siamo chiamati a fare i conti. Avremo bisogno di più acqua per irrigare i nostri vigneti o i nostri vivai, ma potremo riuscirci se le risorse idriche sono in fase di esaurimento? Avremo bisogno di tenere accesi più a lungo i condizionatori per rinfrescarci: ma fino a quando potremo farlo senza conseguenze per l’ambiente e la nostra salute? Sembra un paradosso, eppure è così: c’è un filo che in qualche modo lega Trump ai problemi della falda marsalese e agli uffici del servizio idrico comunale…

Al di là di ciò, risulta evidente che le nuove generazioni stiano già pagando il prezzo degli egoismi di quelle immediatamente precedenti: i figli della guerra hanno vissuto il boom economico degli anni ’60 e si sono abituati a pensare che avrebbero avuto un tenore di vita migliore rispetto ai propri genitori. Nell’euforia generale hanno cercato di prendersi tutto quello che potevano, immaginando di vivere in un tempo eternamente uguale a se stesso, in cui mai e poi mai le cose sarebbero potute peggiorare. I nipoti e i pronipoti della guerra stanno invece cominciando a fare i conti con la frustrazione di un presente pieno di incognite e di un futuro in cui anche il mantenimento di quanto ereditato dai genitori somiglia tanto a una chimera. Se dunque dovessimo indicare un punto da cui ripartire, probabilmente sarebbe saggio scegliere proprio i quattro elementi sopra elencati. Naturalmente, secondo una visione diversa rispetto a quella che abbiamo avuto finora.

You may also read!

Rocca del Gallo vandalizzato_19.11.2017_1

Campobello, vandalizzato il parco urbano di Rocca del Gallo. Amarezza delle istituzioni

Vandali in azione domenica pomeriggio nel parco urbano di Rocca del Gallo. Ignoti hanno danneggiato le capannine in legno

Read More...
Crollo di un vecchio magazzino a Paceco

Crollo di un vecchio magazzino a Paceco. Il sindaco: “area transennata e già sottoposta a sorveglianza”

Il sindaco di Paceco, Biagio Martorana, interviene per alcune precisazioni, in merito al parziale crollo di un vecchio magazzino

Read More...

A Custonaci la presentazione di un volume sull’Aghadir di Pizzo Monaco

Venerdì 24 novembre, alle ore 18.00, presso la Sala Conferenze Solina Quartana del Santuario Maria SS. di Custonaci sarà

Read More...

Mobile Sliding Menu