Autunno caldo

In Apertura, Ka...link...ka

All’attuale Governo dell’asse 5 Stelle-Salvini, va dato atto quantomeno di aver fatto ritornare – seppur ancora in maniera felpata – gli scioperi in Piazza. Non è che prima, bisogna dire il vero, non ci fossero dei venti di proteste. Solo che, dal 2001 ad oggi, con la fine della concertazione sociale e del dialogo tra le parti, l’odore di scioperi di massa in lungo e largo per l’Italia non era così forte e con presenze spesso davvero ridicole. Gli studenti scenderanno in strada il 12 ottobre. Tra i motivi gli elevati costi dei percorsi di studi, lo sfruttamento dell’alternanza scuola-lavoro, la scarsa sicurezza negli edifici scolastici. Prima di loro, a settembre e in coincidenza dell’avvio del nuovo anno, erano scesi in piazza anche docenti e personale scolastico, questi per gli stipendi bassi, i più bassi dell’area Ocse – 10mila euro sotto la media dell’Unione Europea -, la trasformazione delle graduatorie permanenti in esaurimento, i problemi inerenti alla stabilizzazione dei precari del comparto Scuola.

Da Roma e Venezia partono invece le manifestazioni di Cgil, Cisl e Uil che coinvolgono il settore medico a diversi livelli. Le motivazioni, in questo caso, sono da ricercare nel rinnovo del contratto dei medici dirigenti del Sistema sanitario nazionale scaduto già dal 2010 e che si trova al centro di una contesa tra sindacati e Governo. “Autunno caldo” anche per il personale Ryanair, compagnia aerea irlandese, che ha già iniziato in Italia e in altri paesi il periodo degli scioperi con conseguenti cancellazioni di voli. I piloti chiedono un contratto di lavoro collettivo, tant’è che in merito è intervenuta la Commissione Europea Affari Sociali che ha sollecitato il vettore al rispetto della legislazione che prevede l’applicazione del diritto del Paese dove risiede il dipendente. Ma a rischio, di contro, è il low cost per i passeggieri con ulteriori disagi. Ottobre è un mese di grandi scioperi e malcontenti per il trasporto ferroviario. Già iniziati, procederanno fino a novembre per Trenitalia, Trenord e Italo. I sindacati chiedono per i dipendenti aumenti di salario e pensioni, la cancellazione della Riforma Fornero ed altri diritti sacro santi. Il comparto trasporti – quindi non solo treni ma anche collegamenti marittimi, autobus e aerei – si fermeranno per uno sciopero generale il 25 e 26 ottobre. E pensare che avrebbero dovuto scendere in piazza già da diversi anni. Non solo contro la Riforma Fornero ma anche contro una caotica riforma della scuola.

You may also read!

pioggia Mazara

Mazara: nuovi interventi per contenere gli allagamenti

Riunione operativa stamane presso gli uffici comunali presieduta dal sindaco di Mazara del Vallo, Nicola Cristaldi alla presenza dell’assessore

Read More...

Al Carpe Diem Marsala in scena “A testa sutta” di Luana Rondinelli

L’Officina Artistica Carpe Diem di Marsala, con sede in via Armando Diaz, n. 2, ospita “A testa sutta”, una

Read More...

Arcisimposio, incontri musica e cous cous in Piazza Addolorata a Marsala

Il Circolo Arci Scirocco organizza un evento denominato “Arcisimposio” venerdì 26 ottobre in Piazza Addolorata di Marsala dalle ore

Read More...

Mobile Sliding Menu