Petrosino, somministrati cibi scaduti nella mensa scolastica. Il sindaco: “Dalla prossima settimana si cambia sistema”

In Apertura, Cronaca, Petrosino
foto

Rimbalza da Petrosino, su iniziativa di un gruppo di genitori i cui figli frequentano la scuola “Nosengo”, una notizia relativa al cibo che viene somministrato nella mensa scolastica.

Postate su alcuni profili Facebook una serie di foto che indicano le scadenze di alimenti distribuiti lunedì scorso. La scadenza, chiaramente leggibile, risulta antecedente al giorno di distribuzione. Le mamme denunciano il fatto che malgrado il cibo sia regolarmente pagato, gli aventi diritto si sono visti consegnare vasetti di yogurt scaduto. Abbiamo ricostruito la filiera prima di parlarne con il sindaco di Petrosino. In pratica nella cittadina petrosilena la mensa è stata aggiudicata dalla ditta Bitti di Castelvetrano, che rifornisce la scuola “Nosengo” per mezzo del cosiddetto servizio di catering. In pratica pur essendo dotata di cucine, peraltro abbastanza attrezzate, nella scuola le stesse non sono attivate.

“Abbiamo immediatamente ricevuto i genitori dei bambini che frequentano la nostra scuola – ci ha detto Gaspare Giacalone – a cui abbiamo detto che l’amministrazione è intervenuta immediatamente appena venuta a conoscenza dell’episodio, perché di episodio isolato si tratta. Su circa 150 vasetti distribuiti solo il 10 % circa risultava scaduto. Si tratta comunque di un fatto increscioso che non deve più verificarsi”. Il sindaco ci racconta che di concerto con gli uffici appositi del comune, sono stati presi alcuni provvedimenti che modificheranno la “strategia” del servizio mensa.

“Intanto voglio specificare – ha continuato il primo cittadino – che la Bitti di Castelvetrano, carte alla mano, ci ha dimostrato come non si trattava di resti di magazzino, ma che la merce era stata ritirata la mattina stessa della distribuzione. La responsabilità va quindi addebitata alla ditta che ha fornito il prodotto. Questo però non interessa il comune, che ha rapporti con la ditta aggiudicatrice. Comunque dalla prossima settimana, così come abbiamo stabilito con la delegazione dei genitori. Si cambierà sistema”. Verrà sospeso il servizio catering e messa in funzione la cucina all’interno della Nosengo. Inoltre il Comune invierà due dipendenti con funzioni di controllo. “Si è stabilito che anche due mamme potranno partecipare a tutte le operazioni relative alla preparazione e alla somministrazione dei cibi”, ha concluso il sindaco.

You may also read!

Casa Circondariale Trapani Carcere

Scrive la compagna di un detenuto: “Più tutela per i bambini nei colloqui in carcere”

Riceviamo e pubblichiamo la lettera inviata al direttore della Casa circondariale di Trapani dalla compagna di un detenuto. La

Read More...

L’universo è un computer Quantistico. Ignazio Licata, Fabrizio Tamburini e la sfida dei fisici al codice cosmico

Il fisico siciliano Ignazio Licata, da anni residente a Marsala, ed il collega veneziano Fabrizio Tamburini, già noti per

Read More...
Consiglio comunale Alcamo 19 novembre 2018

Il Consiglio comunale di Alcamo ha iniziato la discussione sul DUP 2019-2021

Questa sera sarà messo in votazione, all’interno dell’Aula Falcone-Borsellino, l’atto di programmazione triennale. Nel corso della seduta consiliare, tenutasi

Read More...

Mobile Sliding Menu