Commemorazione di Piersanti Mattarella a Castellammare: presenti familiari, autorità e associazioni

In Antimafia, Castellammare
corteo Castellammare per Piersanti Mattarella

«Vogliamo che il 6 gennaio non sia solo un momento di ricordo di Piersanti Mattarella ma il termine di un percorso di conoscenza della sua figura e del suo agire, che parte dalle scuole, coinvolge il consiglio comunale e si conclude nel 2020, nel quarantennale dell’assassinio». Lo ha detto il sindaco Nicola Rizzo nel corso della commemorazione a 39 anni dall’assassinio di Piersanti Mattarella, nato a Castellammare del Golfo nel 1935 ed ucciso a Palermo il 6 gennaio del 1980, quando era presidente della Regione siciliana. Piersanti era fratello dell’attuale Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ieri ha visitato le tombe dei familiari nel cimitero di Castellammare.

Alla messa in ricordo di Piersanti Mattarella ed al successivo corteo al cimitero comunale terminato con la deposizione di una corona d’alloro sulla tomba, erano presenti il prefetto di Trapani Darco Pellos, il nipote di Piersanti Giovanni Argiroffi, figlio di Maria Mattarella, rappresentanti di tutte le forze dell’ordine, il presidente di Confindustria Trapani Gregory Bongiorno, il presidente del consiglio comunale Mario Di Filippi e numerosi consiglieri, i volontari del locale presidio di Libera, amici e parenti di Piersanti e della famiglia Mattarella.

Il sindaco Nicola Rizzo non ha nascosto la sua emozione davanti la tomba di Piersanti Mattarella, sepolto di fronte al padre Bernardo. «Un percorso didattico pedagogico per la riscoperta e lo studio della figura del nostro illustre concittadino perché vogliamo che il suo insegnamento venga tramandato: avere le carte in regola significa fare buona politica che vogliamo legare ad un progetto sulla pace perché viaggino assieme con una serie di iniziative nelle scuole e anche da parte del nostro consiglio comunale – ha detto il sindaco Nicola Rizzo davanti la tomba di Piersanti -. Il 2020 per Castellammare sarà l’anno della pace e della buona politica, che prende le distanze da criminalità, mafia e qualsiasi altra forma di illegalità».

La politica portata avanti da Piersanti Mattarella è stata citata anche da don Fabiano Castiglione che, nel corso dell’omelia in chiesa Madre, ha ammonito a «comportarsi senza mai scendere a compromessi, in politica come in società, perseguendo il bene comune, l’amore per l’altro e l’interesse non egoistico, seguendo la via tracciata dal Signore».

Il ricordo della politica

“Piersanti Mattarella rimane per sempre l’esempio di un’interpretazione audace e valorosa della professione politica. Nel giorno della commemorazione del suo omicidio, vogliamo ricordare la sua straordinaria dedizione per un’attività che sentiva come una missione e che lo portò a combattere, attraverso reali riforme, la piovra mafiosa”. Lo affermano in una nota i deputati regionali dell’Udc Eleonora Lo Curto, Mimmo Turano, Margherita La Rocca Ruvolo, Vincenzo Figuccia e Giovanni Bulla.

You may also read!

Flash di sport: tutte le notizie su Marsala, Calcio Femminile e Futsal

CALCIO 2. Dopo il pareggio con rammarico di Roccella, domenica pomeriggio il Marsala Calcio tornerà in campo contro il

Read More...

A Marsala nasce il secondo circolo della Lega: lo presiede Fanny Montalto

Crescono a Marsala i sostenitori della Lega, con la nascita del secondo circolo intestato al partito guidato dal vice

Read More...
Eleonora Lo Curto

Lo Curto (Udc): “Serve l’impegno dei cattolici in politica” e ricorda Don Luigi Sturzo

 “L’attualità delle parole di don Luigi Sturzo, a 100 anni dall’appello ai Liberi e Forti, ci richiama ad un

Read More...

Mobile Sliding Menu