Condannato per usura il commerciante marsalese Paolo Mirabile

In Apertura, Giudiziaria, Marsala
Tribunale di Marsala

Il giudice Sergio Gulotta ha condannato il 58enne commerciante marsalese Paolo Mirabile a 5 anni di reclusione e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Mirabile è stato riconosciuto colpevole del reato di usura nei confronti di tre soggetti: i fratelli Nicolò Massimo e Antonello Muscarella (difesi dall’avvocato Francesca Lombardo) e Gaspare Pandolfo (difeso dall’avvocato Giuseppe Gandolfo, che rappresentava anche l’associazione antimafie e antiracket “La verità vive”). Mirabile dovrà riconoscere una provvisionale immediatamente esecutiva ai fratelli Muscarella e a Pandolfo, mentre il risarcimento verrà determinato in separata sede dal giudice civile. Sono stati invece assolti i fratelli di Paolo Mirabile, Francesco e Giovanna. I tre sono stati difesi dagli avvocati Diego Tranchida, Stefano Pellegrino, Maurizio D’Amico e Giacomo Pipitone. I fatti risalgono al 2006, mentre il procedimento trae origine dalle denuncia effettuata alla Guardia di Finanza da Nicolò Massimo Muscarella. A seguire Mirabile fu denunciato da altri nove soggetti, ma è stato ritenuto colpevole del reato di usura solo per le fattispecie relative i fratelli Muscarella e Pandolfo. E’ stato invece assolto dall’accusa di estorsione. Il pubblico ministero Niccolò Volpe aveva chiesto una condanna più severa, a 8 anni di reclusione.

You may also read!

Il “Mobbidicchi” di Bonagiuso inaugura la stagione teatrale di Castelvetrano

Una stagione teatrale in quello che è stato, negli anni di chiusura del Selinus, il teatro per eccellenza di

Read More...

Torna con grandi nomi “Lo Stagnone… scene di uno spettacolo”

Con il patrocinio del comune di Marsala prende il via la XII^ Rassegna teatrale “Lo Stagnone…scene di uno spettacolo”

Read More...
Energetikambiente recupera frigo

Energetikambiente ha ritirato il frigorifero abbandonato in via Mazara vecchia

Sabato mattina avevamo raccontato di un frigorifero abbandonato in via Mazara vecchia, ironizzando un po’ sulle sue sorti e

Read More...

Mobile Sliding Menu