Corte dei Conti, Giulia Adamo dovrà risarcire 65mila euro all’Ars

Corte dei Conti, Giulia Adamo dovrà risarcire 65mila euro all’Ars

La sezione di Appello della Corte dei Conti conferma la sentenza di primo grado a carico della ex parlamentare regionale marsalese, Giulia Adamo. La condanna per le cosiddette “spese pazze”, ammonta ad un risarcimento di oltre 65mila euro. Secondo quanto scrive la Corte, l’ex sindaco marsalese, nella qualità di capogruppo di “Futuro e Liberà” avrebbe speso per erogazione a singoli deputati la somma di 53mila euro. spese che secondo la Corte dei Conti furono fatte a pioggia per garantire ai deputati un’indennità aggiuntiva che, peraltro, non è prevista dal regolamento dell’Ars.

Il resto della somma contestata, riguarda spese per ristoranti, che al netto di quelle finite in prescrizione ammontano ad oltre 1.500 euro. Altra categoria contestata è invece quella dei “regali”. E’ finita in prescrizione l’acquisto fatto da Louis Vuitton per un ammontare di 440 euro. Non rientrano nella prescrizione invece, l’acquisto di tre bottiglie di vino regalate ad un collega ed un boccale d’argento come regalo di nozze per il figlio di un altro collega.

Secondo la sentenza, oltre 7mila euro sono state spese in maniera regolare alla buvette dell’Assemblea regionale siciliana.