Dopo 15 anni don Giovanni D’Angelo lascia Buseto Palizzolo: il nuovo parroco sarà don Salvatore Cammilleri

In Buseto, Religione

La comunità ecclesiale di Buseto Palizzolo ha salutato domenica sera don Giovanni D’Angelo, parroco per quindici anni, che dal primo ottobre prossimo guiderà la comunità di “San Michele Arcangelo” a Casa-Santa Erice.
Alla presenza del sindaco Roberto Maiorana e delle autorità civili del territorio a nome delle parrocchie Maria SS di Fatima, Santa Teresa del Bambin Gesù e Maria SS del Carmelo, la prof.ssa Antonella Minaudo ha espresso la gratitudine del paese: “E’ con immenso affetto e gratitudine che ci troviamo riuniti in questo giorno del Signore a rendere grazie a Dio del dono che ci ha fatto inviandola tra noi a svolgere la missione di pastore. Lei è entrato nelle nostre case con discrezione, pronto, come un amico ed un confidente, ad ascoltare e sostenere chiunque ne avesse bisogno. Ci sentiamo privilegiati per averla conosciuta ed apprezzata. Ora la nostra comunità si accinge a salutarla ed è consapevole che questo trasferimento mostra concretamente quale sia il vero senso dell’essere sacerdote: fare la volontà del Padre”– ha concluso.

Nel mese di maggio scorso la pubblicazione di un volume a cura di Giuseppe Vito Internicola sulla storia della chiesa madre con prefazione del vescovo Pietro Maria Fragnelli aveva ricostruito la storia della comunità ecclesiale busetana. La Chiesa madre fondata nel 1695 ad opera di Nicolò Gervasi, personaggio di rilievo di Erice come atto individuale, venne rifondata nel 1800 ad opera dell’ comunità, atto collettivo dunque, ad opera di tanti che si erano trasferiti dal Monte San Giuliano per dare vita ad un nuovo contesto con la loro operosità. “Ci fu un periodo iniziale della vicaria e cappellania in cui con un’autonoma organizzazione si cercò di ovviare alle difficoltà dovute alla dipendenza dalla Matrice di Erice dove bisognava recarsi per ricevere i sacramenti. Dopo la prima guerra mondiale maturò l’esigenza dell’istituzione di una parrocchia per la gente di Buseto e fu il vescovo Ricca nel 1937 ad istituirla, trasferendo il beneficio della parrocchia di San Giuliano di Erice che allora era chiusa al culto. Nel 1950 nasce il comune di Buseto Palizzolo. Nel 1965 il vescovo Ricceri elevò la chiesa a Chiesa Madre e nominò il parroco arciprete”.
Fra le numerose iniziative promosse dalla parrocchia l’ideazione e promozione della Via Crucis con Quadri Viventi la domenica delle palme a cura della “Confraternita del Crocifisso” fondata nel 1864 e riconosciuta dal vescovo di Trapani nel 2006, proprio nei primi anni della presenza di don D’Angelo in paese e la rivitalizzazione della devozione alla Madonna del Carmine, eletta come patrona del comune.
Nelle comunità sono attivi anche diversi gruppi ed associazioni.
Al momento di saluto era presente anche padre Salvatore Cammilleri che sarà il nuovo parroco. Il rito d’ingresso nel corso di una concelebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Pietro Maria Fragnelli, si terrà il prossimo 29 settembre alle ore 19 presso la Chiesa Madre.

Di seguito alcune foto del saluto a don D’Angelo

You may also read!

polizia

Arresti e denunce in provincia di Trapani: il report settimanale della Polizia

Pubblichiamo il tradizionale report delle attività effettuate nell’ultima settimana dalla Polizia di Stato in Provincia di Trapani. Il periodo

Read More...
Diego Maggio

Scrive l’avvocato Diego Maggio su Birgi e il ruolo dei Comuni

Caro Direttore, assistiamo speranzosi (e talora increduli) alle numerose (e talora apprezzabili) iniziative per la resurrezione di un aeroporto,

Read More...
Pale Eoliche

Scrive il Comitato Pale Eoliche di Salemi: “Politica latitante”

Riceviamo e pubblichiamo una nota del Comitato Pale Eoliche Contrada Pietrazzi Salemi Nel 2017 il neonato “Comitato Pale Eoliche”

Read More...