Elezioni regionali, ecco come voteranno i consiglieri comunali di Marsala

Elezioni regionali, ecco come voteranno i consiglieri comunali di Marsala

Come voteranno i consiglieri comunali di Marsala per il rinnovo dell’Assemblea Regionale Siciliana nelle elezioni che si terranno il prossimo 5 novembre? Una volta questo tipo di approfondimento non avrebbe avuto modo di essere fatto. Ogni partito e ogni schieramento si orientava “canonicamente” con logiche di appartenenza. Per quanto attiene le preferenze, queste si esprimevano con criteri di territorialità.

Prevalentemente un consigliere dava la sua preferenza per un collega di partito della propria città. Lasciamo al lettore la possibilità di capire come e quanto questa logica sia mutata. Il portavoce del Movimento Cinque Stelle, Aldo Rodriquez, oltre a confermarci il suo voto per Giancarlo Cancelleri alla presidenza della Regione, ci ha detto che i cinque candidati nella lista per il rinnovo all’Ars hanno sposato il programma del Movimento e pertanto tutti hanno pari dignità e diritto a chiedere il voto per fare vincere il M5S.

Continuiamo con il centro sinistra. “Noi sosteniamo – ci ha detto il capogruppo socialista Arturo Galfano specificando di parlare a nome dei colleghi Michele Gandolfo e Ignazio Chianetta – la candidatura del nostro leader regionale Nino Oddo, votando anche per Fabrizio Micari Presidente”. L’altro consigliere del gruppo del Psi, com’era prevedibile, voterà per Stefano Pellegrino candidato di Forza Italia e deputato uscente. “Si tratta di una scelta parentale – ci ha detto il giovane consigliere Vito Cimiotta -. Inoltre oltre al rapporto di stima ci sono anche vincoli di lavoro”.

Più chiara e netta la posizione dei tre consiglieri di Democratici per Marsala . “Paolo Ruggirello è da sempre il nostro riferimento politico in provincia – ci ha detto il presidente del Consiglio comunale Enzo Sturiano -. Assieme alle colleghe Ginetta Ingrassia e Luana Alagna siamo anche impegnate ad eleggere Fabrizio Micari presidente della Regione”.

In tema di centro sinistra Letizia Arcara di Cittadini e non Sudditi ci ha dichiarato che assieme al collega Oreste Alagna non hanno ancora operato delle scelte nette. Si ripromettono di farlo nei prossimi giorni. Voterà certamente per Ruggirello e Micari presidente, Alessandro Coppola di Una Voce per Marsala.

Cambiamo Marsala si divide. “Voterò a sinistra come è logico vista la mia collocazione politica – ci ha detto Linda Licari. E sosterrò Fabrizio Micari”. Aveva invece già scelto il candidato all’Ars da sostenere il suo collega di gruppo Daniele Nuccio che darà una mano al candidato trapanese del Partito Democratico Giacomo Tranchida.

Voteranno per Giacomo Scala di Sicilia Futura Ivan Gerardi e Walter Alagna. Abbiamo lasciato per ultimo all’interno dello schieramento il Pd. Appare variegata la scelta dei consiglieri con cui abbia parlato. Mario Rodriquez e il capogruppo Antonio Vinci sosterranno oltre a Micari, il tentativo di rielezione dell’assessore regionale uscente Baldo Gucciardi. Voterà Paolo Ruggirello come ha ufficialmente dichiarato in Consiglio comunale, Federica Meo. Pino Cordaro ci ha detto che il suo voto andrà al Pd, senza aggiungere altro. Più articolato il ragionamento di Calogero Ferreri. “Non condivido l’atteggiamento del gruppo dirigente comunale del mio partito – ci ha detto –, comunque sosterrò il tentativo di Fabrizio Micari di arrivare alla presidenza della regione”.

Nello schieramento opposto, confusione e bocche cucite. Giusi Piccione espressione della lista ProgettiAmo Marsala sosterrà il coordinatore comunale del Movimento Paolo Ruggieri all’Ars e Nello Musumeci alla presidenza.

Chiare le idee per Francesca Angileri che sosterrà la rielezione del deputato uscente Giovanni Lo Sciuto. Il suo collega di Futuro per Marsala Pino Milazzo ci ha detto che la sua componente che fa riferimento a Massimo Grillo, non ha ancora deciso. Stessa valutazione per le due consigliere di Forza Marsala, Nicoletta Ferrantelli e Rosanna Genna che ci hanno dichiarato di essere in una fase di riflessione e che tra breve comunicheranno la propria decisione.

Posizioni diverse all’interno del gruppo dell’Udc, Elenonora Milazzo appare essere la più ortodossa: “Voterò per Mimmo Turano e per Musumeci presidente – ci ha detto”. Parla di difficoltà di dialogo all’interno del partito Flavio Coppola. “Non abbiamo mai discusso della composizione della lista – ci ha detto – . Io personalmente tra tutti i candidati che vedo ai nastri di partenza, il più attrezzato dal punto di vista politico, mi sembra Baldo Gucciardi”.

Articolo successivo