La nostra Regione

In Apertura, Io la penso così
Sicilia

Oggi, come da diversi anni ormai, è fissata la data che celebra la festa della regione Sicilia. Che abbiano da festeggiare poi i siciliani… Scusate, qualunquismo. Altrimenti in tema del non avere nulla dovremmo abolire tutte le festività. La nostra è una regione a statuto speciale, voluta del costituente per chissà quale alchimia. Nella costituzione si inserirono alcune regioni a cui si diedero speciali competenze e poteri. Se per le regioni di confine popolate da etnie linguistiche anche non italiane, questo era comprensibile, per la Sicilia e per esempio per la Sardegna tutto ciò, a noi che ne capiamo poco ma viviamo qui, risulta ancora incomprensibile. Quando vennero istituite le altre regioni vennero chiamate ordinarie mentre la Sicilia (e le altre che c’erano) sono rimaste a statuto speciale. Ora noi non vorremmo essere più menefreghisti di quanto siamo diventati: vediamo di capire a cosa è servito lo statuto speciale. Abbiamo il sistema dei trasporti ferroviari e gommati tra i più “terremotati” dell’intero paese. Grazie alle leggi regionali abbiamo distrutto le coste cementificandole o trascurandole. L’agricoltura, bene primario per secoli, è ridotta a mandare a macero i prodotti. La pesca è emigrata verso l’Africa ed è lì tra mille difficoltà, che i pescatori siciliani si guadagnano da vivere. Potremmo continuare, come diceva una nostra cara congiunta, i problemi non finiscono, anzi aumentano. Un attimo, dimenticavamo: abbiamo alcune delle migliori menti e professionalità che ci sono in giro e pure le lasciamo scappare. Niente imprese, niente lavoro e nulla da offrire ai giovani. Eppure le potenzialità sono tante. Lasciamo stare gli stereotipi (che però non guastano) del clima, del mare del sole e via così elencando. Non mancano i settori dove intervenire e invece nulla o poco si è fatto. Dopo ne citeremo uno per tutti, prima però vorremmo puntualizzare a parte una farlocca commissione regionale antimafia, la lotta alla criminalità organizzata la si è lasciata ai “morti” provenienti da settori dello stato centrale. Altro che autonomia. Torniamo a noi. E per capire quello che siamo e che invece potremmo essere, citiamo e lasciamo alla vostra riflessione una decisione di queste ore. L’assessore ai beni culturali Sebastiano Tusa, ha detto che i siti archeologici resteranno aperti d’estate fino a mezzanotte. Andate a Porta Nuova, guardate la zona archeologica di Marsala sommersa dalle erbacce e capirete di cosa ha bisogno. Altro che aprire di notte. A proposito sembra fatto apposta, il neo assessore che è subentrato a Vittorio Sgarbi, ha enunciato le sue elucubrazioni sulle aperture notturne a Selinunte, mentre a poche decine di metri come riportano tutte le cronache, una passerella di legno situata tra le antiche vestigia è sprofondata trascinando con se una turista che si è ferita. Auguri Sicilia, Buona festa.

You may also read!

aula bunker Ucciardone Palermo

“La mafia sia un tema prioritario per la politica”. Dall’aula bunker dell’Ucciardone l’omaggio ai caduti delle Stragi

Il ricordo di una delle pagine più drammatiche della storia nazionale e la riflessione sul ruolo della mafia oggi.

Read More...

Nuovo coordinamento per Progettiamo Marsala

ProgettiAmo Marsala continua la sua attività politica. Il nuovo coordinamento è costituito da Gabriele Di Pietra (coordinatore), Claudia Brugnone

Read More...

La Chiesa San Matteo ricorda Paolo Angileri, figura di spicco dell’Azione Cattolica

Lunedì scorso, presso la Chiesa Parrocchiale San Matteo Apostolo ed Evangelista di Marsala, si è tenuta una celebrazione eucaristica,

Read More...

Mobile Sliding Menu