L’articolo 2

In Apertura, Io la penso così
costituzione

Prima un esposto alla Procura della Repubblica di Ravenna, poi un’interrogazione in Consiglio comunale e la minaccia di ricorrere al Provveditorato agli Studi. “Quei ragazzi sono stati indottrinati da un’insegnante evidentemente pro migranti”. Lo hanno scritto i leghisti di Faenza ridente cittadina, come si diceva una volta, in provincia di Ravenna. Ma da ridere c’è davvero poco. La “colpa” dei maturandi del liceo “Torricelli-Ballardini” è stata quella di avere citato nei loro compiti d’esame un articolo della costituzione, precisamente il secondo che recita “La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo…”. “Vedremo hanno aggiunto ancora i leghisti romagnoli – se nel valutare le prove d’esame verranno premiati per questa loro strumentalizzazione”. A noi questa dichiarazione è suonata come una minaccia (un avvertimento, va) nei confronti degli insegnanti che debbono giudicare gli studenti faentini. Forse a questi politici della Lega che è anche il partito del neo ministro alla pubblica istruzione Marco Bussetti (a proposito, che ne pensa?), sfugge che giovani giunti all’esame di maturità a conclusione di un ciclo di studi possono avere loro idee, il conseguente diritto di giudicare e di esprimersi. Forse non sanno che la Costituzione (art. 33) sancisce la libertà di insegnamento quale prerogativa individuale dei docenti? Che riferirsi alla Costituzione e pretenderne il rispetto non è un atto politico di parte, ma il dovere di ogni cittadino della Repubblica, ministri compresi? L’aver messo le mani sul governo sta dando ad alcuni politici e ai loro sodali locali, un senso di onnipotenza: si ritengono in potere di bacchettare chi la pensa in altro modo? A Faenza, come in tutta Italia, ci sono tante persone che provano compassione per l’umanità sofferente che bussa alle nostre porte fuggendo da guerre, fame e malattie. Tante che, in silenzio, spendono tempo ed energie in azioni di solidarietà verso gli ultimi. Tante che avvertono il rischio di precipitare in un mondo in cui l’egoismo e l’odio prevalgono sui valori di civiltà e di uguaglianza. Noi, che abbiamo più volte scritto che i migranti li accoglieremmo tutti e non ci stancheremo di ripeterlo, stiamo dalla parte dei ragazzi del “Torricelli-Ballardini” e dei loro insegnanti. Anzi li ringraziamo. Finché ci saranno giovani come loro, finché ci sarà una scuola che educa liberamente ai sentimenti positivi e alla cultura del rispetto e del diritto, la speranza di un Paese migliore continuerà a vivere, forte e insopprimibile. Citiamo davvero poco, in queste nostre note, affermazioni e detti di personaggi e politici del passato, ma stavolta facciamo uno strappo. Ci riconosciamo in quanto disse il Presidente della Repubblica Sandro Pertini rivolgendosi agli italiani nel messaggio di fine anno nel 1978: “Io sono orgoglioso di essere cittadino italiano, ma mi sento anche cittadino del mondo, sicché quando un uomo in un angolo della terra lotta per la sua libertà ed è perseguitato perché vuole restare un uomo libero, io sono al suo fianco con tutta la mia solidarietà di cittadino del mondo”.

You may also read!

Strage Via D'Amelio

Scrive Marianna Laudicina su via D’Amelio, la memoria e la consapevolezza

Vi siete emozionati oggi? Vi siete battuti il petto ascoltando i loro nomi? Avete fatto le vostre belle kermesse?

Read More...
Asp Trapani

Asp, al via la riorganizzazione e le prenotazioni negli Sportelli CUP della Provincia

Un nuovo applicativo informatico è stato installato negli sportelli CUP (Centro unico prenotazioni) dell’intera Azienda Sanitaria Provinciale di Trapani, che

Read More...
Kebrillerà

Torna Kebrillerà alle Cantine Fina: vino al tramonto e la musica di Lello Analfino & Tinturia

Torna anche quest’anno la rassegna di musica e vino al tramonto “Kebrillerà” alle Cantine Fina. Si tratta di un

Read More...

Mobile Sliding Menu