Marsala 2020, la Lega comincia la sua marcia. Armato: “E’ tempo di andare oltre la destra”

In Apertura, Marsala, Politica
Vito Armato e Matteo Salvini

Tre anni fa Vito Armato si candidò a sindaco di Marsala. Il risultato elettorale non fu lusinghiero, con 477 preferenze, pari all’1,47% dei voti e l’arrivo di Salvini in città fu oggetto di una durissima contestazione che convinse il leader leghista a rinunciare al suo comizio. Tuttavia, quell’esperienza consentì ad Armato di guadagnare posizioni tra i seguaci siciliani di Matteo Salvini, che – tre anni dopo – è diventato “l’uomo forte della politica italiana” tanto da riuscire a guadagnare consensi anche in quel Sud che fino a pochi anni fa lo aveva guardato con diffidenza per le sortite antimeridionaliste di cui era stato protagonista nei primi anni della sua carriera politica.

Da commissario della Lega in provincia di Trapani, Vito Armato adesso torna all’attacco su Marsala, ricordando l’esperienza di tre anni fa (“lottavamo per cambiare il destino degli Italiani e dei Marsalesi seguendo il nostro leader Matteo Salvini e le sue scelte politiche di buonsenso, quelli che hanno scelto di stare con noi lo hanno fatto consapevoli che in cambio offrivamo: onestà e le competenze per i nostri figli, per la nostra terra, nessun favore personale, nessuna raccomandazione, nessun rimborso spese, nessun compenso”) e indicando una nuova direzione che strizza l’occhio al civismo (“è tempo di andare oltre la destra”).

Armato boccia l’amministrazione Di Girolamo (“Le politiche fallimentari di questa maggioranza sono simili a quelle del Partito Democratico di Renzi fallito in Europa, in Italia e Sicilia. La premiata di Ditta Renzi-Alfano-Crocetta lasciano alla nostra città ferite profonde e indelebili”) e invita la città a rialzarsi, seguendo la sua ricetta (“serve che l’esperienza e la competenza dei politici locali siano messe a disposizione di una nuova classe politica libera, per rendere Marsala prospera, virtuosa dove la famiglia e le persone siano al centro”).

“Crediamo sia giunto il momento di lavorare con orgoglio – spiega Armato – nell’interesse dei Marsalesi, tutte le categorie nessuno escluso devono essere rappresentate, bisogna scrivere un programma condiviso e realizzabile, per cambiare la nostra città senza paura. Ripartendo dalla questione morale, motivo per cui bisogna condividere ancor prima del programma 10 punti fondamentali che danno all’uomo “onore e dignità”: questi devono aver “Deciso” di dare un futuro diverso ai nostri figli; devono “Desiderare”, e farsi trovare pronti al sacrificio; devono essere “Disciplinati” perché la disciplina è la forza più grande che Dio ha donato all’uomo; devono “Divenire” migliori, essere il meglio, il massimo di quello che possiamo; devono avere una “Direzione” chiara per non sprecare tempo; devono “Definire”, conoscere nei dettagli programma e il metodo perché questo si possa attuare; devono rifiutare categoricamente ogni “Dilemma” essere sicuri e preparati, non lasciare spazio a dubbi e alternative;  non devono “Deludere”, evitare di creare illusioni essere concreti; devono avere una “Destinazione”, pertanto conoscere le modalità e la tempistica dei punti del programma; e per finire devono avere grande “Dignità”, vivere dignitosamente è motivo di orgoglio, imparare ed aiutare, fare ogni cosa con onore e passione. Questa è la cosa che oggi serve a Marsala, questa è la migliore eredità che ognuno di noi potrà lasciare ai propri figli”.
Armato sottolinea inoltre che oggi “i Comuni Italiani sono divisi tra quelli che fanno politiche virtuose poiché sanno gestire e conoscono i processi economici, e quelli arenati su politiche di sussidiarietà. Il Sindaco oggi non è più da identificare, esclusivamente, nella persona del bravo professionista e/o burocrate poiché quest’ultimo adesso lavora per organizzare un “Sistema”, attraverso un processo amministrativo efficace, focalizzati al risultato non al processo, quest’ultimo è demandato ai Dirigenti”.

La chiosa finale della nota inviata agli organi di stampa da Vito Armato insiste infine sulla necessità di un cambiamento, che “può avvenire è alla nostra portata adesso bisogna creare la giusta Performance Politica, strutturata e decisa”. “Siamo certi – conclude il commissario provinciale della Lega – che troveremo la giusta sintesi perché tutto questo possa accadere, con i Marsalesi di buonsenso e le forze civiche e politiche che hanno a cuore la nostra Marsala”.

You may also read!

Chiusura al traffico serale per il centro di Castellammare: tre bus navetta gratuiti in funzione per i festeggiamenti in onore della Patrona

L’amministrazione di Castellammare del Golfo informa che da stasera sarà nuovamente chiuso al traffico serale, esclusi i residenti e

Read More...
Assessorato funzione pubblica e autonomie locali

Indennità di giunta, la Regione ha archiviato l’esposto dell’ex segretario comunale Ricupati. Il sindaco Surdi: “Finalmente chiarezza”

Si è concluso il procedimento amministrativo espletato dal dipartimento delle Autonomie Locali della Sicilia sulle presunte irregolarità nel calcolo

Read More...
Polifonia Trapanese

Il 21 agosto a Trapani la presentazione del libro “Polifonia Trapanese”

Nel cortile del Palazzo Berando Ferro – in corso Vittorio Emanuele 75 a Trapani – martedì 21 Agosto alle

Read More...

Mobile Sliding Menu