“Marsala capitale della viticoltura”: presentato Enopolis

In Agricoltura, Marsala

Venti stand, 40 sponsor tecnici, circa 1000 visitatori attesi. Questi i numeri di Enopolis 2018, l’evento promosso dalla rivista di settore AgriSicilia, che si terrà il 25 maggio a Marsala. A presentarla ieri in conferenza stampa è stato il direttore Massimo Mirabella: “Abbiamo scelto Marsala perchè, com’è noto, è la capitale del vino. Vogliamo farne anche la capitale della viticoltura”. Strategica la data – alla vigilia del week end dedicato all’evento enoturistico Cantine Aperte – così come la location, il podere Badia, a sancire la partnership con l’Istituto Agrario ed Alberghiero “Abele Damiani”.

Nei 18 ettari dell’azienda, compresi tra via Trapani e l’aeronautica militare, verranno presentate in un’unica giornata (dalle 9 alle 19) le ultime innovazioni studiate per il settore: per l’occasione, i presenti potranno vedere dal vivo due nuove macchine vendemmiatrici (delle aziende Same e Pellenc) e due nuovi prodotti contro la peronospera (uno biologico e uno chimico). Prevista anche una fitta attività convegnistica, con l’individuazione di alcuni temi centrali che saranno oggetto di formazione e riflessione, alla presenza di autorevoli relatori, tra cui alcuni docenti delle Università di Palermo e Catania: si parlerà di biologico, di precision farming, delle opportunità di ammodernamento offerte dal Psr e di marketing, con la presentazione di uno studio su ciò che il consumatore si aspetta dal produttore.

Tra i partner dell’iniziativa anche le cantine sociali Paolini e Colomba Bianca, presenti ieri alla conferenza stampa rispettivamente con il presidente Gaspare Baiata e il vicepresidente Filippo Paladino. Soddisfatto il dirigente scolastico Domenico Pocorobba, che ha colto l’occasione per sottolineare l’impegno riservato alla valorizzazione e al rilancio del podere Badia, che rappresenta un prezioso polmone verde per la città. “Nove anni fa – sottolinea – ho lottato per fare in modo che il podere non fosse cementificato. L’azienda ormai è in biologico certificato, abbiamo fatto sperimentazione e innovazione, inserendo nuove coltivazioni dalla tumminia alla quinoa. L’unico rammarico è non aver potuto accedere a finanziamenti europei che ci avrebbero permesso di recuperare gli immobili dell’azienda, che consentirebbero di realizzare fattorie didattiche e aziende a km 0 per la produzione e la degustazione dei nostri prodotti. Magari Enopolis sarà l’occasione buona per stimolare la sensibilità di chi può muovere qualcosa”.

You may also read!

Chiusura al traffico serale per il centro di Castellammare: tre bus navetta gratuiti in funzione per i festeggiamenti in onore della Patrona

L’amministrazione di Castellammare del Golfo informa che da stasera sarà nuovamente chiuso al traffico serale, esclusi i residenti e

Read More...
Assessorato funzione pubblica e autonomie locali

Indennità di giunta, la Regione ha archiviato l’esposto dell’ex segretario comunale Ricupati. Il sindaco Surdi: “Finalmente chiarezza”

Si è concluso il procedimento amministrativo espletato dal dipartimento delle Autonomie Locali della Sicilia sulle presunte irregolarità nel calcolo

Read More...
Polifonia Trapanese

Il 21 agosto a Trapani la presentazione del libro “Polifonia Trapanese”

Nel cortile del Palazzo Berando Ferro – in corso Vittorio Emanuele 75 a Trapani – martedì 21 Agosto alle

Read More...

Mobile Sliding Menu