Soli alla meta

In Apertura, Io la penso così
moto

L’innovazione tecnologica sul mondo dei trasporti ha caratterizzato il secolo scorso. Il 1900 si è aperto con la gente che andava a cavallo e solo i più facoltosi usavano il treno e peraltro per brevi tragitti. Dove siamo giunti lo vedete da voi e noi ci risparmiamo alcuni passaggi dal sapore retorico. Una cosa ci è venuta in mente mentre leggevamo la notizia che vi esporremo in queste nostre note: chissà come si saranno sentiti i cittadini quando al posto del cavallo e delle carrozze avranno cominciato a vedere passare vetture trainate da… nulla. Il portapacchi e le borse laterali sono pieni di diavolerie elettroniche: quelle che servono all’incredibile Bmw R 1200 GS di viaggiare da sola, senza pilota. Una dimostrazione di forza (tecnologica) impressionante perché se un’auto a guida autonoma fa impressione, vedere una moto che viaggia spedita senza nessuno in sella è una specie di choc. Il prototipo Bmw infatti riesce a partire, viaggiare e poi fermarsi da sola. Gli ingegneri della stessa casa produttrice ammettono che il mezzo “sembra muoversi come per magia”. E infatti come definiremmo noi una due ruote che parte in modo indipendente, accelera, gira nel tortuoso circuito di prova e rallenta in maniera indipendente fino a fermarsi? Non si tratta di un prototipo per scopi pubblicitari, l’obiettivo è quello di mandare in giro moto da sole ( ma perché poi?), per sviluppare futuri sistemi e funzioni che rendano le due ruote ancora più sicure e confortevoli e che aumentino il piacere di guida. “L’obiettivo per lo sviluppo di questo prototipo – spiega infatti la Bmw – è quello di raccogliere ulteriori conoscenze sulle dinamiche di guida in moto al fine di rilevare immediatamente situazioni pericolose e quindi supportare il conducente con sistemi di sicurezza appropriati, ad esempio nella svolta ad un incrocio o durante una brusca frenata”. Per adesso però il conducente non c’è, e chissà se poi ci sarà bisogno che un guidatore salga sul mezzo. E siamo solo agli inizi del futuro sulle due ruote, affermano anche altre case produttrici: sono già pronti i fari che seguono la traiettoria del veicolo grazie a proiettori laser, il telaio da moto interamente realizzato con un processo di stampa 3D, incluso il forcellone posteriore. Senza contare poi i sistemi digitali e in primo luogo, la comunicazione V2V tra due veicoli che eviteranno molti incidenti (si telefoneranno?). D’altra parte, se una moto sa viaggiare da sola, tutto il resto appare incredibilmente semplice…

You may also read!

Al Municipale il Marsala vince 2 a 0 contro il Città di Messina

Continua la serie positiva del Marsala Calcio. Dopo i due pareggi ottenuti in casa con il Bari e la

Read More...

Marsala: rotatoria via Favara, iniziati i lavori

Sono iniziati i lavori all’incrocio di via Favara per la realizzazione di una migliore rotatoria più ampia e, probabilmente,

Read More...

Marsala: un arresto per rapina e resistenza a Pubblico Ufficiale

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Marsala, hanno tratto in arresto per rapina impropria e

Read More...

Mobile Sliding Menu