L’ex preside della Scuola Ranna interviene: “Politica scolastica poco attenta”

In Lettere, Marsala, Scuola

Leggendo l’articolo pubblicato sul Vostro giornale del 5 luglio 2018 a nome della mia “cara” Vicepreside, Prof.ssa Mariella Nicolosi, persona alla quale sono profondamente grato, di grande spessore culturale e umano e di non comuni capacità espressive, con la quale ho condiviso 6 anni della mia carriera scolastica nella qualità di Dirigente, non posso non intervenire nell’annosa questione del dimensionamento dell’I.C. “Giovanni Paolo II” di Ranna – Marsala. Ho lavorato per questo Istituto con tanto piacere e voglia di far bene privilegiando tutto il territorio, le tante famiglie che vi abitano e soprattutto i miei cari alunni che si sono sempre distinti nella frequenza degli Istituti Superiori per la loro preparazione culturale e per la loro educazione.

Certo il dimensionamento di questo Istituto Comprensivo ha molteplici cause che vanno attenzionate e analizzate affinchè l’opinione pubblica prenda coscienza dei motivi e delle cause per cui ciò è avvenuto. Sicuramente il decremento del numero degli alunni, negli ultimi anni, ha contribuito a tale dimensionamento. A mio avviso, però, ci sono state altre cause da ricercare all’interno dell’Istituto. Gli ultimi 2 anni scolastici hanno accentuato, sicuramente, tale problematica, quando da parte del nuovo Dirigente Scolastico è stato affrontato il problema del dimensionamento non nel giusto modo e con l’attenzione che meritava. In vero il sottoscritto, anni prima, aveva effettuato diverse richieste di annessione all’Istituto dei 2 plessi che si trovano territorialmente vicini alla sede centrale e cioe’ il plesso “ Mothia” di C/da Spagnola ed il Plesso “Meli” di C/da Addolorata che appartengono all’I.C. “Sturzo” di Marsala. Nessuno, però, ricordo, aveva recepito tali richieste ripetute negli anni, tantomeno i politici.

Il mio era quasi un presentimento e tutto il mio staff appoggiava tale proposta per acquisire i due plessi. Se, però, alla diminuzione degli alunni si è aggiunto il mancato coinvolgimento dei genitori nè tantomeno quello del Personale scolastico da parte del Dirigente, il quadro della situazione diventa chiaro e lampante. Non si può gestire una scuola non ricevendo i genitori in presidenza e quindi non coinvolgendoli nell’azione educatica d’Istituto. Non si puo’ dividere il Corpo Docente dei 3 ordini scolastici creando continui malumori fra gli stessi. Sono dell’avviso che la gestione della politica scolastica negli ultimi 2 anni sia stata poco oculata, privilegiando l’informatizzazione dell’Istituto, cosa del resto ineccepibile, a discapito, pero, di quelle problematiche che meritavano maggiore attenzione.

Sono molto dispiaciuto di quanto accaduto, del resto , anche qualche mia sollecitazione scritta al nuovo Dirigente Scolastico e al Consiglio di Istituto, durante il corso dell’anno scolastico sulla Torre Culetta su cui per tanto tempo si era lavorato alacremente con il coinvolgimento del Personale Docente è caduta nel vuoto. Il “Museo della civilta’ contadina”, tanto auspicato dal territorio dentro quella Torre è rimasto una bella chimera e quegli attrezzi agricoli recuperati qua e là nelle varie scuole e restaurati dal Personale Docente con apposito Corso di formazione , sono ancora lì in attesa che qualcuno di buona volontà metta mano al Progetto iniziato e mai concluso e apra finalmente quel portone facendo rivivere l’antica civiltà contadina “memoria storica necessaria per progettare il futuro e per anticiparlo nel cambiamento (grazie Mariella per queste ultime bellissime parole).

Giuseppe Lucio Pellegrino

You may also read!

mareggiate Marsala

Allerta gialla in tutta la Sicilia: domenica previste piogge e mareggiate

Si chiude con un fine settimana nel segno della pioggia questo mese di maggio anomalo, che ha regalato, soprattutto

Read More...
alcamo carabinieri

Ruba un’auto e si dirige verso la processione: panico ad Alcamo, indagano i Carabinieri

Momenti di panico ieri sera ad Alcamo durante una processione. Durante il rito religioso, poco prima della mezzanotte, un

Read More...
don Alessandro Palermo

Scrive don Alessandro Palermo sul decreto Minniti e gli eventi pubblici

In seguito alla “non accoglienza” – comunicatami solo alla vigilia dell’evento – della mia richiesta di realizzare un semplice

Read More...