Birgi, sindacati incontrano i vertici Airgest: “Si passi dalle parole ai fatti”

In Apertura, Trasporti
aeroporto "Vincenzo Florio" di Birgi

Si è svolto all’aeroporto Vincenzo Florio un incontro tra il presidente della società di gestione Airgest, Paolo Angius, e le rappresentanze sindacali dei lavoratori dello scalo di Trapani Birgi.

Presenti per la struttura la responsabile d’amministrazione del personale, Giusi Di Vita, i consulenti del lavoro Rosario Alescio ed Elisa Salonia, la responsabile dei servizi Handling Caterina Curatolo, per Ugl, il segretario regionale Domenico De Cosimo, il segretario provinciale Paolo Sammaritano ed Emanuele Grupposo, rsa; per la Filt CGIL, il segretario provinciale Francesco Tranchida e la rsa Clara Di Benedetto; per Uil Trasporti il segretario generale Giuseppe Tumbarello e Giovanni Angileri, rsa; per Fit Cisl il segretario generale del presidio di Trapani Rosanna GrimaudoManlio Viscardi responsabile regionale dell’area contrattazioni e Diego Daidone rsa.

Dopo aver fatto il punto sulla situazione attuale dell’aeroporto, tra cui le questioni in sospeso della nomina del nuovo direttore, della valutazione dell’ipotesi di fusione con l’aeroporto di Palermo e delle possibili nuove rotte già dalla stagione invernale in atto e dalla prossima estiva, il presidente di Airgest, Paolo Angius, ha lasciato la parola alla responsabile Giusi Di Vita che ha parlato dell’anno 2018 di Airgest, caratterizzato dallo stato di crisi, con l’accordo di contratto di solidarietà, firmato a novembre del 2017 e revocato il 31 agosto del 2018.

«Per l’anno 2019 saranno garantiti i livelli di occupazione – ha affermato la responsabile dell’amministrazione del personale Giusi Di Vita – ed è stato deciso, con le organizzazioni sindacali, l’insediamento di un tavolo tecnico per individuare una migliore organizzazione di lavoro delle risorse, in funzione della operatività dello scalo».

“E’ora di passare dalle parole ai fatti per rilanciare lo scalo, tutelare i posti di lavoro e fermare la crisi del settore economico e turistico del territorio. L’immobilismo politico sul rilancio della stazione aeroportuale di Trapani è inaccettabile. La Regione siciliana socio di maggioranza Airgest, non può più perdere tempo sulla fusione con l’aeroporto di Palermo, così come i sindaci della provincia che, al di là delle belle parole non hanno, ad oggi, fatto nulla di concreto per intervenire. Da un anno si parla di rilancio ma di fatto nulla è cambiato”. Ad affermarlo sono Rosanna Grimaudo responsabile del presidio Fit Cisl di Trapani e Manlio Viscardi componente coordinamento trasporto aereo regionale Fit Cisl, a margine dell’incontro.

“Abbiamo discusso della turnazione del personale considerata la disomogeneità della concentrazione dei voli che impongono molte più risorse nel pomeriggio rispetto alla mattina. E intanto arriva qualche buona notizia, a fine dicembre l’aerostazione ha avuto la certificazione di aeroporto che consente di avere le carte in regola per operare e domani è prevista la riunione della commissione nominata dalla Regione che dovrà scegliere il direttore generale di Airgest”.

Grimaudo e Viscardi aggiungono “le difficoltà dello scalo trapanese che vanno avanti ormai da troppo tempo, hanno già generato una crisi del settore economico e turistico della provincia e rischia di provocare anche una grave crisi sociale legata al futuro dei lavoratori che operano nello scalo”. La prossima riunione si terrà dopo la nomina del direttore generale e dell’amministratore delegato.
Sul futuro degli aeroporti siciliani interviene anche il segretario generale Fit Cisl Sicilia Dionisio Giordano. “Sul sistema aeroportuale in Sicilia è bene che il governo regionale giunga al più presto ad una decisione sia sul futuro dello scalo di Birgi sia su quelli Lampedusa, Pantelleria e Comiso. Se l’idea è quella di fare due grande hub in Sicilia, uno occidentale con capofila Falcone e Borsellino e uno orientale con capofila Fontanarossa, invece di andare avanti solo con annunci, si proceda con appositi confronti con i soggetti interessati compresi i sindacati”.  Giordano conclude “il governo regionale deve insistere con il governo nazionale sul tema della continuità territoriale per avere tariffe aeree calmierate, ma allo stesso tempo deve agire al più presto per creare un sistema aeroportuale che nell’individuare Palermo e Catania come due grandi hub, valorizzi anche tutti gli scali esistenti tutelando il personale”.

You may also read!

Salvatore Mugno

Salvatore Mugno presenta a Trapani il libro “Decollati”

“Decollati. Storie di ghigliottina in Sicilia” (Navarra Editore) è il titolo dell’ultimo libro di Salvatore Mugno, scrittore, giornalista e

Read More...
Tribunale Marsala

Accusato di minacce alla moglie: iniziato il processo a carico di un marsalese

Udienza ieri dinnanzi al giudice Annalisa Amato, che vede alla sbarra un uomo M.S. di anni 77, difeso di

Read More...

Alcamo, una strada per De Andrè. Il Consiglio approva la mozione di Abc

Durante il dibattito in Aula di ieri sera, sono state deliberate altre due mozioni della minoranza e sono stati

Read More...