Castellammare: Carabinieri fermano auto che trasportavano illecitamente ricci

In Castellammare, Cronaca

Nel pomeriggio di sabato, nel corso di un normale servizio di controllo del territorio effettuato dai Carabinieri della Stazione di Balata di Baida lungo la Strada Statale 187 di Castellammare del Golfo, l’attenzione dei militari veniva colta da due autovetture che procedevano una dietro l’altra, una Chrysler Voyager di colore blu e una Opel Astra di colore grigio, entrambe provviste di carrello-appendice. La pattuglia della Stazione, diretta dal Maresciallo Ordinario Pietro Floreno, provvedeva a fermare, per un normale controllo, la Chrysler mentre, in contemporanea, richiedeva alla Centrale Operativa di Alcamo l’ausilio di una pattuglia del Nucleo Radiomobile, al fine di far controllare anche la seconda autovettura.

A bordo della Chrysler venivano identificati quattro soggetti, tutti residenti a Palermo e tutti gravati da precedenti di polizia, che trasportavano attrezzatura da pesca subacquea, mentre nell’altra autovettura, fermata all’altezza di Contrada Gemma d’oro, viaggiavano altri due palermitani di cui uno gravato da precedenti di polizia e questa volta all’interno del carrello, veniva rinvenuto prodotto ittico della specie echinoidea – ricci di mare – in numero di  15.000  esemplari, appena pescati nelle acque del golfo di Macari ed ancora vivi. Congiuntamente, quindi, con personale  militare dipendente dalla Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Castellammare del Golfo, sopraggiunto a seguito di richiesto intervento, i militari operanti ponevano sotto  sequestro tutto il prodotto ittico in quanto non conforme al numero di esemplari consentito per la pesca non professionale, che l’attuale normativa stabilisce nella misura di 50 al giorno.

Successivamente il prodotto ittico veniva rigettato in mare con l’ausilio della motovedetta CP719, dipendente dalla Capitaneria di Porto di Castellammare, con a bordo tutto il personale militare operante. I sei responsabili venivano segnalati amministrativamente per pesca illegale ai sensi dell’art. 10 comma 1 lettera e) del d.lgs. 4/2012 e dovranno pagare una sanzione pecuniaria da 2.000 a 12.000 euro.

You may also read!

Ennesima rissa a Marsala tra ragazzi, lite brandendo bottiglie

Ennesima rissa notturna ieri sera a Marsala. Sembra quasi che in centro, nonostante gli eventi in Piazza – ieri

Read More...

San Pietro ospita la Sicily Digital Summer School, cultura dell’innovazione nel pubblico e nel privato

Con il patrocinio dell’Amministrazione comunale, dal 24 al 27 settembre si svolgerà a Marsala, nel Complesso San Pietro, l’edizione

Read More...

Rottura cavi elettrici da Sinubio, non è accertato che sia stato un cacciatore

Si comunica che è in corso di verifica la causa del danno al cavo elettrico di contrada Sinubio, già

Read More...