Il sindaco Tranchida sul caso della coppia arcobaleno: “Rimando all’atto amministrativo”

In Trapani
Giacomo Tranchida

Sollecitato da diversi cittadini a prendere una posizione sul caso della coppia omosessuale trapanese a cui è stato negato il diritto alla genitorialità, il sindaco Giacomo Tranchida ha inviato attraverso una nota stampa la sua prima dichiarazione sul tema. Il primo cittadino del capoluogo afferma che “proprio per rispetto della privacy della coppia arcobaleno, al momento non intende sul caso sollevato rilasciare alcuna dichiarazione, rimandando all’atto amministrativo adottato dagli uffici ogni approfondimento di merito”.

Nel frattempo, l’appello #Giacomometticiunafirma vede crescere di ora in ora i firmatari, che al momento in cui scriviamo hanno già superato quota 600 adesioni. Tra i sottoscrittori, anche la parlamentare del Pd Monica Cirinnà e il presidente della Commissione regionale antimafia Claudio Fava, ma anche diversi consigliere comunali trapanesi e di altri Comuni della provincia, numerosi componenti dei Giovani Democratici, la Cgil di Trapani, i referenti locali dei Verdi e Art.1, studenti, artisti, professionisti, associazioni, docenti, impiegati, disoccupati, casalinghe. Nell’appello si chiede a Tranchida di riconoscere “il diritto di una famiglia omogenitoriale di iscrivere all’anagrafe cittadina i bambini della coppia come figli di entrambi”.

You may also read!

Asp Damiani

Sanità trapanese, parla Damiani: “Con i concorsi colmeremo le carenze d’organico”

Un bilancio delle attività portate avanti nei primi 7 mesi del suo mandato e l’indicazione di una serie di

Read More...

Si ritrova dopo 24 anni la V D dell’Industriale di Marsala anno ’94-’95

Grazie ai nuovi Social e a WhatsApp, dopo 24 anni si sono ritrovati gli ex compagni di scuola della

Read More...

Dopo 29 anni si ritrovano gli ex compagni della Torreggiano di Petrosino

Dopo ben 29 anni, si sono ritrovati gli ex compagni di classe della scuola Torreggiano di Petrosino. Una serata

Read More...