Sui “tavoli” politici in vista delle amministrative, ci scrive un nostro lettore

In Lettere, Marsala, Politica
elezioni comunali 2017

“Da un po’ di tempo, visto l’approssimarsi delle elezioni comunali di Marsala, leggo, ormai quasi giornalmente di tavoli e tavolini, di incontri, alleanze allargate e ristrette, tavoli lunghi e tavoli corti, e poi nomi, tanti nomi di papabili candidati Sindaci, tutti disponibili ma con riserva, tradotto: “sciolgo la riserva se penso che chi mi sostiene mi può far vincere”.

E i programmi? Beh quelli sono un optional, l’importante è vincere, mettere assieme quanti più portatori di consensi possibile pur di raggiungere l’obbiettivo, vincere!

Mi piacerebbe invece che ci fosse un candidato di alto spessore morale, di grande capacità di ascolto, che conosca come si muove una macchina amministrativa, che riesca a dialogare e a stare costantemente in mezzo alla gente, che ne percepisca i bisogni e li sappia trasformare in risposte concrete, che abbia la capacità di non farsi tirare la giacca a destra e a manca e che almeno conosca i nomi di tutte la contrade che dovrà amministrare.

Mi piacerebbe che mettese su un programma e dicesse per tempo cosa vuol fare e soprattutto come fare.

Come farà ad esempio a tenere pulito il territorio, se è sua intenzione tenere pulite le contrade, da Strasatti a Birgi, passando per Ciavolo, Ciavolotto e Digerbato, di come intende affrontare il problema della sicurezza, della viabilità e del decoro di tutto il territorio, quali iniziative culturali e sportive intende valorizzare, quali sono i canali di sviluppo per la crescita economica del nostro territorio e come intende promuoverli, cosa farà per le nostre coste, le nostre spiagge, se si intende decentrare i servizi nelle periferie, quali? e come?

Questo è ciò che mi aspetterei e che sicuramente i cittadini tutti si aspetterebbero di sapere dai candidati Sindaci.

Quali programmi e come li attuerebbero e sulla base di ciò dare l’occasione a noi cittadini di poter scegliere il candidato più credibile, non basandoci soltanto sulla capacità oratoria, ma soprattutto sulla storia personale di ognuno di loro.

Ma temo che la mia rimarrà utopia e che si continuerà con tavoli e tavolini, magari mettendogli sopra una bella tovaglia, dove tutto possa cambiare per non cambiare nulla, Il Gattopardo docet”.

Giovanni Maniscalco

You may also read!

Poste italiane

Lavori in corso: chiede l’ufficio postale di Birgi

Poste Italiane comunica che l’ufficio postale di Ragattisi in contrada Birgi Nivaloro nel versante nord di Marsala resterà chiuso

Read More...

Genitori e figli, Ghidini a Marsala per presentare “Lasciami volare”

Mercoledì 13 novembre Marsala accoglierà Gianpietro Ghidini, che racconterà la propria storia e quella del figlio Emanuele, deceduto il

Read More...

Allo Spazio Infanzia Gioco del Complesso San Pietro “Il Mercato del Baratto” il 23 novembre

Lo Spazio “Infanzia in gioco” Marsala, gestito dalla Cooperativa PEGA in collaborazione con il Comune di Marsala – partner nel

Read More...