Palmeri (M5S): “Centro di compostaggio, cronoprogramma disatteso”

In Ambiente, Apertura, Politica, Provincia

“La progettazione del centro di compostaggio che dovrà sorgere in provincia di Trapani, a Calatafimi, potrà avere inizio solo dopo le ferie di agosto, mentre è stato invece completato l’altro progetto, quello della discarica di Borranea, che cronologicamente aveva la priorità in quanto imposto da procedura di Protezione civile”.

Lo riferisce Valentina Palmeri, deputata regionale del Movimento 5 Stelle, che ha organizzato una riunione operativa svoltasi ieri a Trapani presso la Srr Tp Nord (Società per la regolamentazione del servizio rifiuti), alla quale hanno preso parte i comitati locali di Alcamo e Calatafimi.

“Lo scorso aprile – ricorda Palmeri – avevo chiesto un cronoprogramma chiaro e preciso in Srr e presso l’assessorato regionale dell’Energia e dei Servizi di pubblica utilità e avevo appreso dalle Srr Tp Nord che sarebbe stato costituito un gruppo unico di progettazione con la Srr TP Sud per lo sviluppo del progetto esecutivo, da completare entro l’estate. Ho appreso che, purtroppo, ci sarà uno slittamento, minimo di cinque-sei mesi dei tempi inizialmente ipotizzati – continua Palmeri – secondo i quali il progetto dell’impianto di compostaggio sarebbe stato completato entro agosto. Non si erano infatti messe in conto le modifiche normative intervenute negli anni che rendono il progetto non adeguato e, soprattutto, c’è il problema della assoluta insufficienza di progettisti in grado di ultimare in tempi rapidi la fase esecutiva del progetto. Mi chiedo se la Regione sia informata e monitori queste situazioni e questi ritardi gravissimi, e, soprattutto, se ritiene di doversene fare carico o se intende trovare altre soluzioni.

Per quanto riguarda la fase emergenziale – spiega Palmeri – la Srr sta lavorando per mettere in funzione il polo tecnologico di Castelvetrano e l’impianto di trattamento dell’organico di Contrada Belevedere  per sopperire alle esigenze di smaltimento di organico della provincia quanto prima. Ora si facciano tutti gli sforzi possibili per accelerare il percorso, vista la situazione nella provincia trapanese, ancora afflitta da gravi problemi per la raccolta dell’organico, soprattutto da quando l’impianto della Sicilfert, a Marsala, è stato posto sotto sequestro, poi dissequestrato e riattivato a singhiozzo”.

“Gli impianti pubblici vanno sostenuti come priorità per evitare nuove emergenze e garantire  i servizi di base ai cittadini – dice ancora Palmeri – quindi è importante contrastare ogni ostruzionismo che si è registrato finora e che ancora, probabilmente, persiste.

Analogamente, bisogna tenere altissima l’attenzione e prevenire eventuali interessi poco trasparenti e poco coerenti con le pianificazioni della Regione o delle Srr, come quelli che abbiamo denunciato e che poi sono venuti fuori solo grazie alle intercettazioni di Paolo Arata. Assistiamo ad un tentativo criminale di ostacolare in tutti i modi l’impiantistica pubblica a favore di impianti che sciaguratamente vengono incentivati come assimilati alle rinnovabili. per accaparrarsi una fetta di mercato”.

You may also read!

palazzo 7 aprile

Il Consiglio comunale di Marsala torna in aula: fissata una seduta il 28 agosto

Sono 81 i punti all’ordine del giorno del Consiglio comunale di Marsala, che su convocazione del presidente Enzo Sturiano

Read More...

La comunità marsalese di San Matteo si appresta a festeggiare il suo santo

La Parrocchia San Matteo si prepara a festeggiare il suo santo titolare. I festeggiamenti 2019 cominceranno con la Messa

Read More...

Estate marsalese, domani due commedie. Inaugurata la Festa di Ciancio

Proseguono le iniziative dell’Estate marsalese, promossa dall’amministrazione Di Girolamo e coordinata dall’assessore alle politiche culturali Clara Ruggieri. Domani alle

Read More...