Cambiamento climatico: la casa green nella visione di Mondo Energia. Ne parliamo con Vincenzo Frazzitta

In Pubbliredazionali

[PUBBLIREDAZIONALE] Argomento “caldo” di questi giorni, il cambiamento climatico causato dalle emissioni di gas serra richiede  un’accelerazione della transizione verso energie pulite e rinnovabili. In questo processo di natura politica contano anche le scelte dei privati, degli imprenditori e dei semplici cittadini: il futuro infatti appartiene a tutti e ognuno deve fare la sua parte.

Ne parliamo con Vincenzo Frazzitta, amministratore di Mondo Energia, azienda di consulenza, progettazione e realizzazione di impianti ad alta efficienza energetica.

Qual è la situazione oggi nel nostro paese?

L’Italia ha avviato da un decennio la transizione energetica, seguendo una road-map condivisa con altri paesi europei, puntando ad una strategia energetica a impatto climatico zero al 2050. Secondo i dati ufficiali 2017, l’energia elettrica utilizzata in Italia proviene per il 37% da fonti rinnovabili, ma è ancora consistente il ricorso a combustibili fossili, soprattutto gas naturale (42%) e carbone (14%), con un bilancio pesante in termini di emissioni di CO2.

I consumi domestici di energia costituiscono una voce importante nel quadro nazionale, e il gas metano incide oltre il 50% sul totale. Con le politiche di incentivi statali, l’autoproduzione ha raggiunto un peso  significativo ma l’efficienza nei consumi è ancora ampiamente migliorabile.

In che modo il semplice cittadino può incidere in questa transizione?

Le scelte individuali contano, sia sul piano etico sia in un’ottica concretamente economica. Viviamo in una regione estremamente soleggiata, con un clima mite: l’autoproduzione con impianti fotovoltaici può garantire la copertura totale del fabbisogno energetico di un’abitazione. Associando un impianto di climatizzazione possibilmente con pavimenti radianti, alimentato da una pompa di calore che assicura anche la produzione di acqua calda sanitaria, si raggiungono livelli di efficienza elevatissimi. Se si sceglie la cottura a induzione, in pratica si può eliminare il ricorso al gas. Non solo autosufficienza, ma anche una drastica riduzione dell’impatto in gas serra.

Sembra semplice… A che punto è questa “conversione”?

La sostenibilità ambientale e il ricorso alle fonti rinnovabili sono temi ormai consolidati nell’opinione pubblica. È una scelta importante, un investimento sul futuro. I bonus fiscali, prorogati anche per il 2019, sono un valido incentivo in caso di ristrutturazioni, soprattutto oggi che si costruisce meno e si recupera sempre di più; nelle nuove costruzioni invece già da qualche anno vige l’obbligo delle rinnovabili.

Quali sono i ritorni e i benefici di questo investimento?

Il ritorno economico si realizza sul breve periodo, un intervento ben progettato e realizzato si recupera in 4/5 anni. C’è poi un risultato immediato, il benessere: la climatizzazione a pompa di calore con pavimenti radianti assicura un comfort notevolmente superiore rispetto ai sistemi tradizionali, generando un’“eterna primavera” tra le mura domestiche, con consumi ridotti e minimizzazione degli sprechi. Grazie alla tecnologia “smart home”, i sistemi di controllo remoto consentono di ottimizzare le prestazioni dell’impianto in relazione alle proprie abitudini ed esigenze. C’è inoltre un appagamento psicologico ben conosciuto da chi ha realizzato interventi di autoproduzione ed efficienza energetica: la soddisfazione di produrre l’energia per i propri fabbisogni e di consumarla in maniera virtuosa, senza provocare ripercussioni sull’ambiente.

 

Ciò che altri chiamano la “casa del futuro”, noi l’abbiamo già immaginata e realizzata, anche qui a Marsala.

 

 

You may also read!

Caro carburante e scontri in Equador, don Enzo Amato: “Iniziano a scarseggiare i viveri”

Don Enzo Amato, prete marsalese in missione in Equador, tra le pagine di Condividere diffuso dalla Diocesi di Mazara

Read More...

Calcio a 5: il Marsala Futsal soffre ma vince ad Alcamo 4 a 5

Con tanta sofferenza e un gran finale di partita, il Marsala Futsal, con il punteggio di 4 a 5,

Read More...

Prima sconfitta in trasferta per la Sigel Marsala a Macerata

Un Macerata ben organizzato e solido ha avuto ragione sulla Sigel Marsala in un match della durata complessiva di

Read More...