Marsala, stabilizzazione precari oggi è arrivata la firma

In Amministrazione, Apertura, Marsala, Regione
addio al precariato comunale

“Non poteva chiudersi meglio il 2018 per i dipendenti precari del Municipio. Ma anche per il Comune il nuovo anno inizia bene, potendo contare ora su una forza lavoro stabile e formata. Insomma, una giornata che segna uno spartiacque tra il tempo dell’incertezza e quello della sicurezza del posto di lavoro”. È quanto afferma il sindaco Alberto Di Girolamo che, stamattina, ha dato il via alla firma dei contratti a tempo indeterminato per i primi 249 lavoratori precari in servizio al comune di Marsala. La loro definitiva stabilizzazione giunge dopo 30anni di precariato se si conta il periodo iniziale trascorso nelle rispettive cooperative, poi proseguito al comune nei servizi di pubblica utilità e con rinnovi di anno in anno, incerti fino all’ultimo.

Ciascun lavoratore ha superato il concorso della categoria di appartenenza, con successivo inquadramento nel
corrispondente profilo professionale: 12 di categoria “D” (7 Istruttori direttivi amministrativi/tecnici, 2 Avvocati, 2 Assistenti sociali,1 Ufficiale di Polizia municipale); 151 “C” (93 Istruttori amministrativi, 33 Istruttori tecnici, 25 Agenti di Polizia municipale); 42 “B” (12 Collaboratori amministrativi/informatici, 30 Esecutori); 44 di categoria “A” (profilo professionale di
Operatore).

Parole di elogio per questo traguardo anche da parte del presidente del Consiglio comunale Enzo Sturiano, sottolineando che “…il percorso si completerà con l’ulteriore stabilizzazione dei 19 lavoratori impegnati in attività di pubblica utilità e dei 27 transitati nell’Istituzione Marsala Schola”.

Soddisfatto anche il vicesindaco Agostino Licari: “Il lavoro di squadra – per il quale ringrazio il segretario generale Bernardo Triolo, dirigenti, funzionari e impiegati – ha funzionato. Un risultato eccezionale, grazie anche alla collaborazione dei sindacati, conseguito dopo un’intensa attività propedeutica unita alla programmazione di questa Amministrazione e al rispetto delle procedure di legge”. Queste hanno fatto riferimento sia alla cd. “Legge Madia”, ma soprattutto alla normativa della Regione Siciliana che l’ha ispirata e il cui “padre” è considerato Alessandro Baccei. L’ex assessore regionale, invitato dal sindaco Di Girolamo, stamani è giunto a Palazzo Municipale per un saluto augurale ai dipendenti che hanno dato l’addio al precariato. “È un grande giorno per la politica con la p maiuscola; una vittoria della collettività, ha affermato Baccei. Abbiamo dovuto aspettare un po’ di tempo, ma dobbiamo ringraziare persone coraggiose come il sindaco Di Girolamo per avere dato forza a quella legge del 2016, nata con il contributo di tutti, a cominciare dai sindacati. La Sicilia ha ancora grandi sfide da affrontare, quella del precariato – che oggi finisce a Marsala – è una sfida vinta”.

You may also read!

Fondi comunitari per il patrimonio culturale, per Erice due progetti finanziati

E’ stato pubblicato dalla Regione Siciliana il D.D. 2701 del 14/06/2019 contenente la graduatoria dei progetti ammessi a finanziamento

Read More...

A Cornino la terza edizione del Tuna Fish Fest

Dal 18 al 21 luglio, a Baia Cornino, località balneare del Comune di Custonaci, si svolgerà la III edizione

Read More...
Valentina Palmeri

Residence Marino e Serraino Vulpitta, Palmeri (M5S) incalza la Regione sul futuro dei dipendenti

“I cittadini di Trapani non possono perdere due strutture che operavano una importante funzione sociale, centro per anziani e

Read More...