Piano Paesaggistico: il sindaco Di Girolamo sentito in Commissione Ambiente. Pellegrino: “Potrà essere rimodulato”

In Ambiente, Marsala, Regione

Incontro a Palermo, stamattina, del sindaco Alberto Di Girolamo presso la IV Commissione regionale “Ambiente, Territorio e Mobilità”. Assieme al dirigente Francesco Patti, il sindaco di Marsala è stato ascoltato in merito al Piano Paesaggistico. Come si ricorderà, sullo strumento urbanistico si era definitivamente pronunciato, lo scorso febbraio, il Consiglio di Giustizia Amministrativa, respingendo – di fatto – l’impugnativa del Comune di Marsala. Dopo la sentenza favorevole del TAR, infatti, l’Assessorato regionale beni culturali e identità siciliana aveva presentato ricorso in appello (ora accolto dal CGA). “Ho esposto le motivazioni che lo scorso anno ci avevano spinto e confortato ad impugnare il Piano, afferma il sindaco Di Girolamo. Sono convinto che quei presupposti siano ancora validi e, per questo, li ho difesi nel corso dell’audizione richiesta dalla Commissione regionale competente”.

Queste invece le dichiarazioni del deputato regionale marsalese Stefano Pellegrino: “La sentenza del CGA, pur riformando la sentenza del TAR, ad un attento esame individua la necessità di dovere avviare una concertazione tra Regione ed Enti Locali, finalizzata al miglioramento del Piano Paesaggistico. In particolare, la sentenza ha richiamato tutti i protagonisti della vicenda a far sì che oggi, la concentrazione entri in quella fase più intensa, nella quale la collaborazione leale tra i diversi soggetti pubblici dovrebbe essere più piena e dare i suoi frutti migliori, tenendo conto che il piano paesaggistico ha la funzione di strumento di ricognizione del territorio oggetto di pianificazione non solo ai fini della salvaguardia e valorizzazione dei beni paesaggistici, ma anche nell’ottica dello sviluppo sostenibile e dell’uso consapevole del suolo, in modo da poter consentire l’individuazione delle misure necessarie per il corretto inserimento, nel contesto paesaggistico, degli interventi di trasformazione del territorio”.

Gli stessi rappresentanti dell’Assessorato Regionale ai Beni Culturali ed in particolare il soprintendente, Guazzelli, hanno ritenuto di dover condividere l’interpretazione in tal senso della sentenza, apprezzando anche loro che l’imprescindibile tutela del paesaggio non si trasformi in uno sterile e dannoso proibizionismo urbanistico pregiudicando valori, anch’essi di rango costituzionale, quali la proprietà, lo sviluppo sostenibile, la crescita economica, la promozione turistica ed il benessere sociale.

“Per rispondere a queste legittime esigenze – conclude Pellegrino – il Piano dovrà essere rimodulato. Pregevole è stato e sarà l’impegno della Presidente, onorevole Savarino che ha già indicato nell’ordine del giorno della prossima seduta della commissione Territorio e Ambiente, attività volta ad una necessaria ricognizione del territorio delle aree e degli immobili aggiornata all’attualità”.

You may also read!

Marco Renda

Don Marco Renda: “Pasqua è festa di speranza”

Da alcuni mesi alla guida della Chiesa Madre di Marsala, don Marco Renda sta vivendo la sua prima Pasqua

Read More...
fiano

La situazione

Tutti abbiamo delle segrete simpatie per quanto attiene i personaggi della politica. Ora per noi è giunto il momento

Read More...
uova di Haring

Pasqua con chi vuoi

Pasqua bussa insistentemente alle porte, come una vecchia conoscenza di cui ricordiamo le abitudini, e che sarebbe oltremodo scortese

Read More...