Salvatore Quinci apre la campagna elettorale e lancia il progetto “Mazara Valley”

In Mazara

E’ stata inaugurata ieri pomeriggio, in un vero e proprio bagno di folla, la sede del comitato elettorale del candidato sindaco di Mazara del Vallo, Salvatore Quinci, in corso Umberto I, 19. Il discorso di apertura di Quinci è stata incentrato sulla sfida più grande che  riguarda le sorti della città di Mazara e sul progetto volto a restituire ai mazaresi l’orgoglio della propria appartenenza.

Presenti gli assessori designati e i candidati al Consiglio Comunale delle quattro liste, simpatizzanti, sostenitori – nonostante la pioggia, a tratti battente – e lo staff a supporto della sua candidatura, è stato illustrato quello che in una sola espressione si può sintetizzare con il progetto “Mazara Valley: innovazione e Arte di Vivere”, ossia il programma volto a rendere la città di Mazara il punto di arrivo per l’intero territorio provinciale, dove grande capacità di accoglienza, buon cibo, mare, spiaggia, sole, cultura, preistoria, arte e tradizioni mediterranee, assieme a servizi efficienti e organizzati, possano essere i protagonisti e il biglietto da visita di una città a misura d’uomo, di bambini e anziani, ecosostenibile e Smart.

‘Mazara Valley’, secondo il desiderio e le intenzioni di Salvatore Quinci sindaco, dovrà essere un luogo in cui verrà favorito l’incontro fra nuove idee e nuove tecnologie, dove le aziende potranno insediarsi, far nascere start up giovanili e dove il turismo organizzato permetta a giovani e famiglie di diventare operatori di ospitalità.

You may also read!

Marco Renda

Don Marco Renda: “Pasqua è festa di speranza”

Da alcuni mesi alla guida della Chiesa Madre di Marsala, don Marco Renda sta vivendo la sua prima Pasqua

Read More...
fiano

La situazione

Tutti abbiamo delle segrete simpatie per quanto attiene i personaggi della politica. Ora per noi è giunto il momento

Read More...
uova di Haring

Pasqua con chi vuoi

Pasqua bussa insistentemente alle porte, come una vecchia conoscenza di cui ricordiamo le abitudini, e che sarebbe oltremodo scortese

Read More...