Scrivono i lettori marsalesi sulla situazione delle isole ecologiche e l’emergenza organico

In Lettere
isola ecologica Signorino

Ieri sgradita sorpresa per chi ha tentato di conferire l’organico presso l’isola ecologica, considerato che il porta a porta per questa tipologia di rifiuto è bloccata. La sorpresa consiste che neanche presso l’isola ecologica è stato possibile depositare i rifiuti organici e gli operatori alla domanda dove portare detti rifiuti rispondevano di lasciarli a casa.

Vito Reina
Vito Reina

Ci meravigliamo se poi i cittadini depositano i rifiuti per le strade ?. Oppure li depositiamo a casa del Sindaco? Inutile dire che il Sindaco non ha colpe se la Sicilfert è ricolma e non recepisce più. In Sindaco deve essere lungimirante e creare delle alternative che certo non possono essere quelle di lasciare i rifiuti organici nelle proprie abitazioni con questo caldo a rischio di infezioni. Mi sento di vivere in un 4* mondo.

Vito Reina

 

 

 

***

Questa purtroppo non è ecologia! Questa é una “discarica a cielo aperto sui cassoni dei camion” nella zona stupenda per la balneazione cosiddetta Signorino, con un mare da Bandiera blu, che solco ogni giorno per 5 km con la mia kayak da 10 anni anche con mare mosso e vento, insieme ai mei amici del kitesurf: io a 300 metri dalla battigia, loro oltre i 300 metri. L’ isola “ecologica” è  in un area bellissima costata  milioni di euro e inaugurata 5 anni addietro, nata come piazza di ritrovo dei giovani e dei meno giovani, da non chiamare vecchi. L’unica cosa non accettata in questa “discarica a cielo aperto sui cassoni” è il tagliato del prato verde. Per il tagliato dei prati verdi ho telefonato al sindaco di Marsala, dottore Alberto Di Girolamo e al call center, di chi si occupa della raccolta dei rifiuti a Marsala.

Gaspare Barraco all'isola ecologica
Gaspare Barraco all’isola ecologica

Sul tagliato dei prati verdi al Signorino  hanno detto no! Per questo “ingombrate rifiuto” dei  prati verdi si deva andare a conferirlo nell’ autoparco comunale, distante alcuni chilometri dal Signorino. Signorino ( dalla Treccani: “Giovane delicato, di gusti raffinati”)  non  si addice  con rifiuto. I rifiuti sono risorse da rispettare per averne ricchezza e conservazione della natura violentata da tutti. La nostra generazione ha fatto per l’ambiente più danni delle due guerre mondiali: danni irreversibili. Da attivista del Wwf e dopo di Greenpeace nel 1996 inizia la mia attività nei vari dibattiti pubblici ( con miei interventi pubblici), sulla carta stampata  (giornali locali e nazionali) e nelle varie tv locali sull’ ambiente e principalmente sulla raccolta differenziata e sulla raccolta “porta a porta£. Dopo tanti anni vidi la raccolta differenziata. Adesso dobbiamo lottare per far produrre meno rifiuti e far consumare i prodotti a chilometro zero per avere meno voli aerei, causa principale del disastroso riscaldamento globale del pianeta Terra che, renderà invivibile questa opera d’arte di Dio.

Ing.Gaspare Barraco (attivista del Wwf e di Greenpeace)

 

You may also read!

palazzo 7 aprile

Il Consiglio comunale di Marsala torna in aula: fissata una seduta il 28 agosto

Sono 81 i punti all’ordine del giorno del Consiglio comunale di Marsala, che su convocazione del presidente Enzo Sturiano

Read More...

La comunità marsalese di San Matteo si appresta a festeggiare il suo santo

La Parrocchia San Matteo si prepara a festeggiare il suo santo titolare. I festeggiamenti 2019 cominceranno con la Messa

Read More...

Estate marsalese, domani due commedie. Inaugurata la Festa di Ciancio

Proseguono le iniziative dell’Estate marsalese, promossa dall’amministrazione Di Girolamo e coordinata dall’assessore alle politiche culturali Clara Ruggieri. Domani alle

Read More...