Controlli ai lidi balneari, sequestrate bevande e alimenti

In Alcamo, Cronaca
cc alcamo

Nella mattina di venerdì 7 giugno i Carabinieri della Compagnia di Alcamo, supportati dai Carabinieri del N.A.S. di Palermo e del N.I.L. di Trapani, hanno fatto un massiccio accesso ispettivo alla spiaggia di Guidaloca, sottoponendo ad un controllo molto dettagliato tutti i lidi già attivi.

I risultati sono stati assolutamente gratificanti poiché salatissime sono state le sanzioni comminate e, in un caso, si è addirittura arrivati alla chiusura con effetto immediato ed a tempo indeterminato di uno stabilimento balneare.
Andando con ordine: ad uno dei tre lidi veniva contestata la presenza di prodotti alimentari privi di etichettatura e non tracciabili, per cui si procedeva ad elevare una sanzione di 1.500 euro con contestuale sequestro di 18,5 kg di pesce vario – in particolare gamberoni, calamari e seppie – e 2 kg di broccoli) nonché l’omessa comunicazione all’autorità sanitaria delle variazioni planimetriche e della tipologia produttiva effettuata: in pratica sul retro del bar era stato attivato un laboratorio di cucina per la preparazione di cibi cotti e pietanze varie in difformità a quanto indicato nella registrazione sanitaria, illecito per cui è prevista una sanzione di 1000 euro.

Al secondo lido invece venivano elevate sanzioni complessive di ben 9.033 euro per l’assenza di registrazione sanitaria, di S.C.I.A. per la somministrazione di cibi e bevande e di licenza per lo svolgimento di attività di stabilimento balneare.
In base a quest’ultima violazione è stata notificata dai militari della Compagnia di Alcamo, guidati in loco dal Comandante della Stazione Carabinieri territorialmente competente, Maresciallo Pietro FLORENO, l’ “ordinanza di chiusura attività con effetto immediato e a tempo indeterminato”.
Lo stabilimento balneare, aperto e presente da molti anni a Guidaloca, infatti, era autorizzato solamente al montaggio di una struttura in legno removibile e non all’esercizio dell’attività commerciale di stabilimento balneare né tantomeno alla somministrazione di cibi e bevande.

Nel terzo lido attivo, invece, non sono state elevate sanzioni amministrative o pecuniarie.
Dato da rilevare positivamente è il fatto che il Nucleo Ispettorato del Lavoro non abbia comminato alcuna sanzione per lavoro nero, posto che tutti i dipendenti trovati sul posto erano assunti con regolare contratto di lavoro.
I controlli agli stabilimenti balneari verranno effettuati fino al termine dell’estate dai militari della Compagnia di Alcamo con il supporto di N.A.S. e N.I.L. e riguarderanno tutte le zone balneari del territorio di competenza (compresi i comuni di Castellammare del Golfo, Alcamo Marina, Custonaci e San Vito lo Capo), al fine di assicurare – ai turisti e ai dipendenti – che siano concretamente realizzate delle condizioni igienico-sanitarie e lavorative dignitose e in accordo con la legge.

You may also read!

Presentato il Blue Sea Land, tutto il territorio costiero protagonista dal 17 al 20 ottobre a Mazara del Vallo

E’ stato presentato questa mattina, al Palazzo d’Orleans, sede dell’Assemblea regionale siciliana, l’8° edizione del Blue Sea Land, la

Read More...

Caro carburante e scontri in Equador, don Enzo Amato: “Iniziano a scarseggiare i viveri”

Don Enzo Amato, prete marsalese in missione in Equador, tra le pagine di Condividere diffuso dalla Diocesi di Mazara

Read More...

Calcio a 5: il Marsala Futsal soffre ma vince ad Alcamo 4 a 5

Con tanta sofferenza e un gran finale di partita, il Marsala Futsal, con il punteggio di 4 a 5,

Read More...