Castelvetrano: terra bruciata intorno a Messina Denaro, arrestati l’ex sindaco e due talpe

In Apertura, Castelvetrano, Cronaca

Si continua a fare terra bruciata intorno al superlatitante Matteo Messina Denaro. Alle prime luci dell’alba di oggi, la Procura di Palermo ha emesso tre mandati di arresto per il tenente colonnello Marco Zappalà, ufficiale dei carabinieri in servizio alla Direzione investigativa antimafia di Caltanissetta, per Giuseppe Barcellona, appuntato dell’Arma che lavora alla Compagnia di Castelvetrano e per l’ex sindaco di Castelvetrano, Antonio Vaccarino, già condannato per traffico di droga.

L’accusa è di aver passato notizie riservate a un mafioso trapanese vicino a Messina Denaro e quindi di aver fatto da tramite nei confronti di un boss. In particolare l’oggetto pare sia la trascrizione di un’intercettazione.

A condurre l’indagine il procuratore capo di Palermo Francesco Lo Voi e il procuratore aggiunto Paolo Guido. Sono loro che hanno contestano ai tre soggetti le accuse di rivelazione di notizie riservate, favoreggiamento e accesso abusivo a sistema informatico. Ad accogliere i fatti contestati, il giudice delle indagini preliminari Piergiorgio Morosini, che ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in base alla ricostruzione dei sostituti procuratori Pierangelo Padova e Francesca Dessì.

You may also read!

Nello Musumeci

La Giunta Musumeci approva il Rendiconto 2018: più soldi per gli eventi

Mentre a Marsala non si conosce ancora la “sorte” del cartellone di eventi estivi – eppure l’estate è alle

Read More...

Percorso tra le cave e la storia di Marsala con l’associazione Fidapa

Domenica scorsa Marsala si è dipinta di giallo. Percorsi mozzafiato hanno fatto da scenario alla giornata organizzata dalle socie

Read More...

Temi di maturità, Ungaretti, Sciascia, Dalla Chiesa e Gino Bartali

Temi di maturità, Ungaretti, Sciascia, Dalla Chiesa e Gino Bartali La prima traccia a uscire è stata quella dell’analisi

Read More...