Un sorriso non costa nulla

In Lettere

Entrando in negozi, bar, pasticcerie, lavanderie, ho notato spesso che il personale non accoglie in modo appropriato i clienti. A volte ho la sensazione addirittura di disturbare, guardando la commessa o il commesso, mi viene spontaneo chiedermi: Perché mi guarda così? Forse è troppo presto? O forse è troppo tardi, e credo che in orario vicino alla chiusura non piaccia a nessun dipendente iniziare con un nuovo cliente che non si sa quanto tempo farà «perdere». Uso il termine «perdere tempo», perché è ciò che solitamente si dice, ma in realtà la frase corretta sarebbe «impiegare il tempo». Infatti se i dipendenti si chiamano «impiegati» c’è un motivo: gli impiegati sono lì per dedicare il loro tempo al cliente e quindi non lo perdono affatto, se pensiamo peraltro che per fare ciò sono anche pagati, si deduce facilmente che i commessi impiegano il loro tempo con i clienti e non lo perdono. Ma allora, mi chiedo, se questo è il loro lavoro, perché non accogliere con un sorriso e offrire subito la propria disponibilità e assistenza? In fondo un sorriso non costa nulla, mette a proprio agio le persone, trasmette fiducia e serenità, insomma è tutto positivo.

Spesso entrando in un negozio, osservo commessi che parlano fra loro, mi vedono e continuano a parlare invece di interrompere e venirmi incontro, a volte addirittura mi capita di vedere qualcuno di loro impegnato col proprio cellulare e pur notando la presenza di un cliente non accenna ad interrompere. Confesso che sono stata da sempre la cliente «dell’ultimo minuto» o «dell’orario di apertura», è vero, ma è anche vero che lavorando otto ore al giorno non è stato facile per me trovare tempo di acquistare a metà mattina o a metà pomeriggio, quindi deducevo che la non-accoglienza dei commessi nei miei confronti era dovuta a questo. Tuttavia in seguito ho scoperto che il mio senso di colpa era immotivato, infatti adesso che sono in pensione e riesco a trovare tempi meno marginali per provvedere agli acquisti, continuo a notare che entrando in un negozio i commessi si comportano nello stesso modo poco-accogliente, a volte è come se dicessero con lo sguardo: «Ma questa che vuole? Vorrebbe comprare qualcosa? Adesso? Speriamo che non mi fa perdere tempo e se ne va presto». Di contro devo dire anche che i commessi non sono tutti così, in alcuni negozi ci sono dipendenti deliziosi, pochi ma ci sono, che ti sorridono appena entri, che ti vengono incontro a salutarti e a offrire la propria consulenza. Quando accade ciò mi sento più motivata a comprare, a spiegare loro cosa mi serve e il più delle volte riesco ad uscire dal negozio con il prodotto che mi serviva e soddisfatta della accoglienza ricevuta. Ecco l’ideale sarebbe che per ogni esercizio commerciale ci fossero commessi che accolgono col sorriso, poi tutto diventerebbe facile.

Maria Grazia Sessa

You may also read!

Albert e Albero

Nell’albo illustrato “Albert e Albero” di Jennie Desmond- Lapis Edizioni, un morbido orso si sveglia dal suo letargo e

Read More...

In mostra a Trapani gli scatti del fotografo marsalese Max Salvaggio

A Trapani, nei locali di palazzo Milo – Pappalardo, in Via Garibaldi, e negli spazi del Chiostro di San Domenico, prenderà

Read More...

La scrittrice marsalese Carla Maria Pellegrino scrive a Liliana Segre: “Mai dimenticare la memoria”. E la senatrice risponde…

“Egregia senatrice Liliana Segre, mi chiamo Carla Maria Pellegrino e sono una scrittrice esordiente disabile di ventinove anni. Ho

Read More...